MENOPAUSA E STITICHEZZA

Condividere sui social network:

La menopausa è una condizione in cui viene a trovarsi praticamente ogni donna in un determinato periodo della propria vita, cosicché non si tratta di una malattia, ma di un cambiamento naturale che avviene quando si invecchia. È accompagnato da una significativa riduzione di ormoni sessuali, specialmente estrogeni e progesterone. Questo fenomeno, pertanto, causa dei cambiamenti nel corpo femminile che influenzano specialmente il cervello, la pelle, la mucosa, le ossa e i vasi sanguigni. I sintomi più comuni della menopausa sono: depressione, apatia e carenza di concentrazione, nonché cambiamento dell’appetito, stanchezza, insonnia, vampate, aumento del peso corporeo, rilassamento cutaneo, riduzione della libido e secchezza della mucosa. Secondo alcuni studi, questi cambiamenti influenzano anche l’apparato digerente. In questo articolo proveremo a conoscerli meglio.

Come influisce la menopausa sull’apparato digerente?

Alcune donne hanno anche problemi digestivi, di costipazione e gonfiore durante la menopausa. Le ragioni alla base non sono del tutto chiare, ma esistono diverse teorie. Alcune cause potenziale sono: un basso livello di estrogeni e progesterone, come anche la riduzione dell’attività fisica, l’assunzione di determinati farmaci e lo stress, che è un fattore molto importante. Alcuni studi suggeriscono che l’aumento del livello di cortisolo, l’ormone dello stress, possa causare un rallentamento nel transito del cibo attraverso l’apparato digerente.

Altre cause della costipazione durante la menopausa?

Una causa della stitichezza in menopausa, oltre agli ormoni, è dovuta ai muscoli pelvici indeboliti che rendono difficile la defecazione, in particolare quando le feci sono dure e secche.

Non bisogna neanche trascurare il fatto che la transizione verso il terzo periodo della vita è spesso accompagnata dall’assunzione di farmaci che possono provocare la stitichezza. Molte donne poi assumono farmaci contro l’ipertensione, preparati con il ferro, farmaci per le malattie della tiroide, antacidi con calcio e alluminio e antidepressivi. Tutti questi farmaci possono avere effetti collaterali di rallentamento della digestione e stitichezza.

Una dieta squilibrata, la mancanza di attività e lo stress emotivo si aggiungono a tutti i problemi, incluso quelli digestivi. Una dieta adatta è un fattore che può aiutare in molti modi a stimolare il funzionamento dell’apparato digerente. Molti alimenti sono ricchi di fitoestrogeni. Non sono sconosciuti né costosi e probabilmente si trovano già in cucina. Lino, ceci, lenticchie, fagioli, aneto, sedano, prezzemolo e aglio. Oltre ai fitoestrogeni, questi alimenti sono anche ricchi di fibre alimentari che sono indispensabili per una digestione regolare.

Un’alimentazione sbilanciata, la mancanza di attività fisica e lo stress emozionale contribuiscono ulteriormente a tutti questi problemi e così anche a quelli digestivi.

Aktivni starejši na sprehodu s kolesom v jesenski naravi. Imajo romantičen čas na prostem.

Cosa prendere contro la digestione lenta durante la menopausa?

Una dieta appropriata è un fattore che può aiutare in parecchi modi ad agevolare le funzioni intestinali. Dei cibi ricchi di fitoestrogeni, ovvero sostanze vegetali che imitano l’azione degli ormoni femminili, sono importanti per alleviare le conseguenze della menopausa. Tra questi rientrano:

  • lino,
  • ceci,
  • lenticchie,
  • fagioli,
  • aneto,
  • sedano,
  • prezzemolo e
  • aglio.

Oltre che di fitoestrogeni, questi alimenti sono ricchi anche di fibre alimentari, indispensabili per una digestione corretta.

Non dobbiamo dimenticare che il primo passo per curare la costipazione è il cambiamento delle proprie abitudini alimentari, per le quali è di importanza fondamentale un adeguato apporto di fibre. Si consiglia di assumere quotidianamente in medi tra i 25 ai 30 g di fibre, e l’ideale è una combinazione di fibre solubili e insolubili. Allo stesso tempo è necessario aumentare gradualmente l’assunzione di frutta e verdura, di cereali integrali e legumi, perché in caso contrario si potrebbero manifestare effetti indesiderati come gonfiore e dolori addominali. Inoltre, è importante bere acqua a sufficienza e fare una moderata attività fisica. Muoversi può aiutare nella lotta contro la costipazione ed è anche un ottimo modo per prevenire lo stress.

Se la modifica della propria dieta e delle proprie abitudini alimentari non aiuta, il passo successivo, il più delle volte, sarà una cura a base di lassativi osmotici. Questi “assorbono” l’acqua dalle pareti intestinali aumentando il volume delle feci fino a tre volte. Ciò crea pressione sulle pareti intestinali favorendo la peristalsi e lo svuotamento dell’intestino.

Donat: un grande aiuto durante la menopausa

Donat è un aiuto completamente naturale per affrontare i problemi digestivi durante la menopausa. Si tratta di un’acqua minerale naturale per la quale è clinicamente testato che regolarizza la digestione. Donat è un lassativo osmotico naturale che non crea dipendenza e non ha effetti dannosi. Poiché opera in base al principio dell’osmosi, gli unici effetti indesiderati potrebbero essere delle feci troppo morbide o la diarrea. In tal caso sarà necessario ridurne le dosi per evitare un’eccessiva escrezione di liquidi ed elettroliti dall’organismo.

Con una dieta varia ed equilibrata, un adeguato apporto di liquidi e insieme all’esercizio fisico, Donat è di grande aiuto nell’eliminare i problemi di digestione lenta e costipazione.

Domande frequenti

1. Quali sono i sintomi più frequenti della menopausa?

I sintomi più frequenti della menopausa includono: depressione, diminuzione del livello di concentrazione, diminuzione dell’appetito, stanchezza, vampate, aumento di peso, rilassamento della pelle, diminuzione del desiderio sessuale e secchezza della mucosa.

2. La menopausa influisce sulla digestione?

Alcune donne durante la menopausa hanno anche problemi di digestione lenta, gonfiore e costipazione.

3. Perché durante la menopausa si manifestano problemi digestivi?

I motivi alla base di una cattiva digestione durante la menopausa non sono ancora del tutto chiari. Tra i più probabili vi sono: una riduzione del livello di ormoni estrogeni e del progesterone, una riduzione dell’attività fisica, l’effetto di determinati farmaci e lo stress. Le cause più comuni sono una dieta poco equilibrata e l’indebolimento dei muscoli del bacino, che rendono la defecazione ancora più difficile, specialmente se le feci sono dure e secche.

4. Cosa fare in caso di costipazione durante la menopausa?

Il primo passo è cambiare la propria dieta, ovvero è necessario fare attenzione e assumere una quantità adeguata di fibre e liquidi. Inoltre, è importante mangiare cibi ricchi di fitoestrogeni, ovvero sostanze vegetali che sostituiscono l’azione degli ormoni femminili. Tra di loro ci sono principalmente: lino, ceci, lenticchie, fagioli, prezzemolo, aneto e aglio. Se cambiare il proprio stile di vita non dovesse aiutare, il secondo passo è curarsi con dei lassativi osmotici che assorbono acqua dalle pareti intestinali ammorbidendo le feci.

5. Come può aiutare Donat contro la costipazione durante la menopausa?

L’acqua minerale Donat è un lassativo osmotico assolutamente naturale che, grazie ad un contenuto di solfati superiore alla media, aumenta il volume delle feci rilassando allo stesso tempo i muscoli intestinali grazie all’azione del magnesio. In tal modo favorisce il transito delle sostanze di scarto attraverso l’apparato digerente fino alla loro defecazione.

Seleziona il capitolo:

La nostra salute dipende dal nostro apparato digerente

    Pridružite se
    Donat programom

    Prijavite se na brezplačne programe Donat,
    ki vam bodo pomagali pri razstrupljanju in
    krepitvi vašega imunskega sistema.